titolo

Kitchening

martedì 18 novembre 2014

iPie con farina Miracolo del Molino Grassi



E' una torta facilissima e squisita, se poi è fatta con ingredienti di ottima qualità e accompagnata da una montagna di panna montata, allora è paradisiaca!

Ingredienti per uno stampo da 20 cm.:

Per la pasta brisée, metodo Felder
200 gr. di farina Miracolo del Molino Grassi  
90 gr. di burro freddo
1 uovo
1 cucchiaio di acqua gelata
1 pizzico di sale

Per la farcitura
4 mele royal gala
un cucchiaino di estratto di vaniglia
4 cucchiai di zucchero di canna
una noce di burro
una stecca di cannella


Intridete burro freddo, farina e sale con la punta delle dita fino ad ottenere un composto sabbioso, poi fate la fontana nel mezzo e metteteci l'uovo sbattuto col cucchiaio di acqua fredda. Raccogliete con una forchetta il composto di farina portandolo verso il centro e impastando fino a raccoglierlo tutto, poi continuate a mano, stringendo il composto e impastando pochissimo, solo il tempo necessario a ottenere un impasto liscio e omogeneo. Fatene una palla e mettetela in frigo per qualche ora almeno (io una notte).
Potete preparare la sera prima anche le mele: fatele a dadini e saltatele in una larga padella con burro, zucchero, vaniglia e cannella. La padella dev'essere larga sennò le mele vengono lesse, invece devono cuocersi, ma non disfarsi. Mettetele a raffreddare.
Trascorso il tempo di riposo necessario, dividete in due la pasta brisée, nella proporzione di due terzi e un terzo. Stendete i due terzi di pasta in un cerchio più grande dello stampo e adagiatevelo dentro, bucherellando il fondo. Se lo stampo è di porcellana, di quelli adatti a d essere portati in tavola, tanto meglio. Il cerchio di pasta dovrà debordare di almeno un paio di centimetri fuori dello stampo. Stendete anche l'altro cerchio di pasta. Rovesciate le mele nello stampo (ricordatevi di togliere la stecca di cannella) e coprite con il cerchio più piccolo di brisée, dopo aver fatto al centro un camino per la fuoriuscita del vapore. Ripiegate la pasta eccedente del cerchio più grande sul cerchio più piccolo, sigillando bene i due strati di pasta e premendo con l'indice della mano destra sulla pasta tenuta tra il pollice e l'indice della mano sinistra, per creare in questo modo anche una decorazione tutt'intorno. Infornate inizialmente a 200°, poi dopo dieci minuti abbassate a 180° e cuocete ancora per mezz'ora circa, fino a quando la superficie sarà dorata.
La consistenza friabile della brisée e il suo sapore rustico, quasi di pane, ne fanno una torta semplice e golosa che vi consiglio di gustare tiepida o a temperatura ambiente, accompagnata da una salsa alla vaniglia o da una dose generosa di panna montata.


Con questa ricetta partecipo al contest del Molino Grassi


1-impastando_CONTEST_2


10 commenti:

  1. Ripeto anche qui: splendido look, quel camino e' un bijou, lo strato superiore e' perfettamente attaccato ai bordi, senza grinze o rotture (invidia, con le mie manacce non sono capace di fare altrettanto). E vedo che si e' staccata benissimo dalla tortiera.
    COMPLIMENTI :-) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corrado, per sformare bene uso un trucchetto, una striscia di carta forno bella larga che passa sotto la torta ed esce per un bel pezzo dai due lati, così, appena raffreddata, non devi fare altro che prendere i due lembi della carta forno e...tirarla su ;))

      Elimina
    2. ciao cecilia! che bella la tua torta e che bello questo "barbatrucco"!!!
      arrivederci a presto a siena :)

      Elimina
    3. Grazie Cristina! Non vedo l'ora di conoscervi in tantissimi!!!

      Elimina
  2. mmm, questa torta e buona a tutte le ore! l'anno scorso l'ho fatta anche io, ma tante mini pie, devo dire che mi hai fatto venir voglia di riprovare, anche se sò già, che la mangerò con le amiche visto che in casa mia le mele...piacciono solo a morsi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro, questa fra l'altro non fa nemmeno ingrassare perché ha solo due cucchiai di zucchero!

      Elimina
  3. ...sai che anche io uso quel trucchetto, proprio ieri che ho fatto la torta con la zucca nella pirofila di ceramica! ... uffiiii devo aprire il blog per mostrarvi un pò di pasticci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma cosa aspetti Sabry!!!!! Sei bravissima!!!

      Elimina