titolo

Kitchening

venerdì 17 febbraio 2017

Pollo fritto medio-orientale



Silvia Zanetti, col suo nuovissimo blog Officina Golosa, ha vinto la sfida n. 62 dell’MTC, quella sui macaron, sfida difficilissima secondo me e infatti io l’ho addirittura bypassata sfruttando subito a inizio anno una delle due possibili “giustificazioni”. Anche perché, diciamola tutta, io non amo i macarons, e penso di poterlo dire perché ho assaggiato quelli di Pierre Hermé, che a detta di tutti sono i migliori. Non mi sono piaciuti per niente, non è proprio il genere di dolci che amo. I macarons di Silvia però erano davvero stupendi, un'opera d'arte, quindi la sua vittoria è stata meritatissima. Per fortuna fra poco aprirà il suo blog, è questione di momenti, così potremo apprezzarla in tutta la sua bravura, culinaria e fotografica, ed era ora!
Per la sfida n. 63, Silvia ha scelto come tema il pollo fritto american way e se dapprima tiri un sospiro di sollievo, tempo due ore (lettura regole della sfida, commenti e articoli di corredo) inizi a sentirti male. Sì perché qui all’MTC niente è semplice e scontato, l'MTC, croce e delizia, è un insieme di esperti gourmet, cuochi, medici, nutrizionisti, food designer, architetti del cibo, cucinieri compulsivi, spacciatori di spezie e caccavelle, e quindi ecco subito un fiorire di consigli (leggi: diktat) su come scegliere il pollo, dividerlo in pezzi (solo pezzi interi, e giù un fiorire di enormi cosce e sovracosce, io abituata a cuocere pezzetti piccoli e disossati), lavarlo (no!!!), marinarlo, infarinarlo, impanarlo, su come scegliere l’olio di frittura (olio? giammaiiii), con cosa accompagnarlo a seconda della marinatura e mille altre cose da imparare a memoria. Si arriva al punto che quando ti trovi a iniziare la ricetta, che comunque signori miei è un pollo fritto, un pollo fritto, Dio mio!, vieni presa da un tremito inaspettato con, in aggiunta,  “salivazione azzerata e mani due spugne”. E hai voglia a dirti: in fin dei conti è solo un pollo fritto! Sì, ma è per l’MTC!!!
Comunque non volevo saltare anche questa sfida perché il pollo fritto l’ho sempre fatto e mi è sempre venuto buono, però… eh-eh, c’è un però: non l’avevo mai fatto secondo le regole mtcine. E devo aver sbagliato qualcosa nell’esecuzione perché il mio pollo fritto è venuto proprio un nulla di che. Cominciamo dall’inizio.
Secondo le regole stabilite da Silvia, decido di fare la marinatura nel latticello (mai avevo marinato il pollo prima di friggerlo) e l’impanatura con farina bianca-uovo-pangrattato per il pollo classico, mentre per il pollo creativo decido di pensare a una marinatura e ad un’infarinatura particolari. E siccome proprio in questi giorni ho comprato un libro di cucina di Claudia Roden, intitolato La Cucina del Medio Oriente e del Nord Africa, (ho scoperto l’acqua calda, lo so), che mi sta intrigando tantissimo, ho pensato di fare un pollo fritto con le spezie e le marinature del medio-oriente. Perciò la sera prima ho massaggiato le cosce di pollo con un misto di Chicken Masala regalatomi dalla mia amatissima Lady di Singapore (<3) e la paprika che uso per fare il pollo alla Berberé, regalatami anch’essa da una signora eritrea  e le ho messe a marinare nella panna acida fatta in casa, a cui ho aggiunto erba cipollina e cipolla in fiocchi. 



Speravo in questo modo di dare un sapore piccante e speziato al mio pollo, ma ho miseramente fallito perché le spezie non si sentivano quasi per niente. Senza contare che, venuto il momento di friggere il pollo, dopo averlo asciugato dalla marinatura, l’ho infarinato con farina mescolata alle stesse spezie della marinatura, pensando così di “fissare” ancor di più il sapore orientale. Ma, come dicevo, non ho ottenuto il risultato che speravo. 


Una cosa allora l’ho capita: il gusto al pollo fritto non glielo dà tanto la marinatura (che forse serve solo a renderlo morbido), quanto il grasso in cui viene fritto. Correggetemi se sbaglio eh! Di solito io friggo il pollo con olio di oliva di Greve in Chianti dell’anno precedente. Ora, negli articoli a corredo della ricetta della sfida, leggo un interessantissimo articolo del Dott. Michael Meyers,  mtcino pure lui, in cui si elencano i grassi nei quali per salvaguardare la salute sarebbe meglio NON friggere alcunché, ed uno di questi è proprio l’olio di oliva! (che andrebbe consumato solo crudo). Molto meglio, come riferisce il Dott. Meyers, friggere in un grasso animale o, meglio ancora, in un buon olio di cocco, che se è buono davvero, non lascia alcun sentore. Ecco, devo dire che, pur con tutte le migliori intenzioni, non ce l’ho fatta (avevo paura di rovinare tutto), e mi sono buttata su un olio di germe di mais biologico. 

Non mi sono trovata affatto male: anche dopo 25 minuti di frittura l’olio non si è annerito, (ovviamente trascorso questo tempo l'ho cambiato, anche perché cambiavo il tipo di pollo da friggere), non ha cambiato colore né puzzava terribilmente, infatti non ho dovuto friggere “in garage con la tuta dei RIS di Parma” (Federica! <3), insomma, direi che sarebbe stata un’ottima frittura, se non fosse per il fatto che non ha lasciato alla carne nessun gusto! Insomma, il pollo si è fritto bene, ma era un po’ insipido. Anche un'altra cosa credo di aver capito: che gli americani, per far venire la coscia di pollo dorata fuori e perfettamente cotta all'interno, sicuramente la cuociono in due volte (non so se prima la lessano o cosa), sennò in una lunga cottura l'olio si brucerebbe e la carne pure. A me non è successo, ma perché io sono brava, ahahahahah! Ho fritto ad una temperatura non troppo alta (l'olio non ha mai "fumato"), ma abbastanza a lungo e girando spesso i pezzi di carne, e il risultato "tecnico" è stato buono assai!






Ma veniamo alla ricetta.

Per la marinatura classica nel latticello (come spiegato da Silvia):
250 g latte parzialmente scremato
250 g yogurt magro
10 ml succo di limone filtrato

In una ciotola versate lo yogurt e il latte e stemperateli, infine aggiungete il limone. Lasciate a temperatura ambiente per 15 minuti circa e poi versatelo sulla carne, coprite con pellicola e mettete in frigo per almeno 4 ore, meglio se tutta la notte (io tutta la notte).

Per la marinatura medio-orientale:
200 ml panna fresca
il succo filtrato di mezzo limone 
erba cipollina disidratata
cipolla in fiocchi
paprika
chicken masala

Preparate la panna acida aggiungendo alla panna fresca il succo di limone, mescolate e vedrete che in poco tempo la panna si addenserà, ci vorrà neanche mezz'ora. Aggiungete l'erba cipollina e la cipolla in fiocchi. Massaggiate i pezzi di pollo col misto di spezie e ricopriteli con la panna acida preparata in precedenza, coprite con pellicola e lasciate riposare in frigo tutta la notte.

Per la frittura classica con impanatura:
farina 0 qb
1 uovo
pangrattato
olio di germe di mais biologico

La mattina dopo, sgocciolate i pezzi di pollo dalla marinata per almeno mezz'ora e successivamente asciugateli con carta da cucina. Quando è il momento di friggere, ponete l'olio a scaldare a fiamma media. Passate prima nella farina, poi nell'uovo sbattuto, poi nel pangrattato i pezzi di pollo e, quando l'olio è arrivato a temperatura, immergete delicatamente i pezzi e iniziate la cottura. Trattandosi di pezzi interi, dovrete aver cura di non tenere la fiamma troppo alta e di girarli spesso, in questo modo l'olio non si brucerà e il colore del pollo sarà perfetto. Saranno necessari circa 15 minuti di cottura per le sovracosce.
Salate i pezzi di pollo solamente a fine frittura.

Per la frittura creativa:
farina 0 
chicken masala
paprika
olio di germe di mais biologico

La mattina dopo, sgocciolate i pezzi di pollo dalla marinata per almeno mezz'ora e successivamente asciugateli con carta da cucina. Quando è il momento di friggere, ponete l'olio a scaldare a fiamma media. Prendete un sacchetto di plastica e mescolateci dentro la farina e le spezie, mettete nel sacchetto una coscia per volta e agitate il sacchetto in modo che tutto il pezzo sia ben avvolto dalla farina. Ponete nell'olio caldo i pezzi infarinati, a fiamma moderata e rigirandoli spesso. Fate molta attenzione perché, essendo pezzi grossi, ci vorranno almeno venti minuti di cottura.

Questo è il pollo classico dopo la cottura:


 Questo è il pollo creativo, o meglio, quello che ne resta. Era una coscia:


Come salsina di accompagnamento, ho scelto di mescolare semplicemente dello yogurt con della senape in grani e un cucchiaino di miele, aggiungendo delle foglioline di menta fresca tritata, e devo dire che mi è piaciuta molto. Per contorno, ho fatto i meravigliosi pickles di Federica e li ho posizionati intorno al pollo nel piatto di servizio. 



Con questa ricetta, e con tutti i miei dubbi, partecipo alla sfida n. 63 dell'MTC.




martedì 7 febbraio 2017

Filetto di aringa con patate e barbabietole


Ricetta orfana  numero 4, questa un po' rivisitata solo nella mise en place, nel senso che l'aringa non l'ho messa nell' insalata perché mi sembrava troppo bella così. Nell'insalata ci ho messo invece tutti gli altri ingredienti: le barbabietole, le patate, la senape, la creme fraiche (in realtà yogurt greco 0%), il cipollotto fresco (essenziale) e il succo delle barbabietole.
Anche questa ricetta, deliziosa (chevvelodicoaffà): brava Alessandra! E' venuto fuori un piatto completo e davvero gustoso! Ho messo le dosi per una persona (abbondante ;-)

Ingredienti

1 filetto di aringa affumicata
1 spicchio di mela
1 barbabietola cotta
1 patata tagliata a dadini 
1 cucchiaio di yogurt greco 0%
1 cucchiaino di senape forte
1 cucchiaino di senape dolce
1 cucchiaio di aceto di vino
1 cetriolino sottaceto tagliato a dadini
1 cucchiaino di zucchero
1 spicchio di mela rossa

Sbollentate i dadini di patate per cinque minuti in acqua bollente salata e scolateli su carta assorbente. Tagliate a dadini anche la barbabietola cotta, conservandone il succo. In una ciotola mettete il succo della barbabietola, la senape, lo yogurt, l'aceto, lo zucchero e mescolate bene fino ad avere un'emulsione molto cremosa e di un bel colore rosa, con cui condirete i dadini di patate e barbabietola. Riducete a rondelle il cipollotto e unite anch'esso all'insalata, sempre mescolando. Affettate  lo spicchio di mela a fettine sottilissime. Servite il filetto di aringa con l'insalata cremosa da un lato e la mela affettata dall'altro.

lunedì 6 febbraio 2017

Insalata di arance, cipolle e olive nere


Altra ricetta orfana da adottare assolutamente! E' molto semplice, ma è un capolavoro: è leggera, ma saporita, è rinfrescante, ma nutriente al tempo stesso. In più, è veloce a farsi, ma dà grande soddisfazione. Bisogna considerare il tempo di "ammollo" delle cipolle, è vero, ma per stomaci duri magari questo passaggio si può saltare :P, oppure si possono mettere dei cipollotti di Tropea il cui gusto non ha bisogno di essere attenuato. Anche questa ricetta è stata salvata da Alessandra, che l'ha ritagliata da un vecchio Sale&Pepe. Io ho cambiato solo il tipo di insalata, perché non ho trovato l'indivia riccia.

Ingredienti

1 cipolla rossa
insalata gentile
olive nere
arance rosse
olio extra vergine di oliva
sale e pepe

Tagliate a rondelle una cipolla rossa, mettetele in una ciotola, copritele di acqua fredda e lasciatele riposare per una mezz'ora, per attenuarne il gusto. Sbucciate al vivo due arance e ricavatene gli spicchi, eliminando anche la pellicina che li avvolge. Conservate in una tazza il succo che cola ed emulsionatelo con 2-3 cucchiai di olio extra vergine di oliva e un pizzico di sale e pepe. Riunite in un'insalatiera le rondelle di cipolla scolate, gli spicchi di arancia, una manciata di olive nere snocciolate, qualche foglia di indivia riccia (io insalata gentile) e condite con la salsina preparata.

mercoledì 1 febbraio 2017

Zucca e cavoletti di Bruxelles al forno con vinaigrette alla senape



Ed ecco che come un pifferaio magico la Van Pelt mi sveglia dal mio solito torpore con un'altra delle sue mille stupende idee: le Ricette Orfane da adottare. Chi non ha la casa piena di riviste di cucina che in casa prendono un sacco di posto e magari contengono una-due ricette al massimo che vorremmo fare? Credo sia un problema comune alla maggior parte di noi! Alessandra, per ovviare a questo problema, ha pensato di ritagliare le ricette migliori e proporle al suo pubblico tramite questa sua pagina Facebook, perché qualcuno le sperimenti e le recensisca. Forse facendo leva sul mio istinto materno, chissà, l'idea mi ha subito entusiasmato e infatti, pur con i miei tempi dilatatissimi, farò tutte le ricette che la Van Pelt ci proporrà da questa sua pagina Facebook. Ne ha già proposte tre, una più golosa dell'altra. La prima in assoluto è questo invitante contorno di stagione, facile da fare, interessante e originale, davvero molto gustoso e versatile e, non ultimo, da porca figura. Unica modifica che ho fatto è stata quella di usare la senape in grani, che mi sembrava potesse stare bene unita a un poco di aceto, olio sale e pepe in una vinaigrette molto aromatica e saporita.



Ingredienti:

500 g di zucca tipo butternut

500 g di cavoletti di Bruxelles

una manciata di mirtilli disidratati

un cucchiaio di aceto balsamico

due cucchiai di senape in grani

olio sale e pepe

Si taglia la zucca a pezzetti e i cavoletti di Bruxelles a metà. Si prepara in una capiente ciotola la vinaigrette con l'olio il sale e il pepe, l'aceto e la senape in grani, si aggiungono le due verdure e si mescola molto bene per far aderire il condimento. Si dispongono poi in una pirofila e si mettono in forno precedentemente scaldato a 190° per circa un'ora. Cinque minuti prima di spengere il forno, si aggiungono i mirtilli fatti rinvenire in un po' di acqua calda, strizzati e asciugati. E' un piatto molto bello, colorato e salutare, adatto alla stagione, e soprattutto è buonissimo e vi farà fare bella figura, perciò, adottatelo anche voi!


martedì 15 novembre 2016

Sexy Rosa Tiramisù



Ed eccoci arrivati alla 61a sfida dell'MTC, che per volere della vincitrice della sfida precedente, l'ineffabile Susy May, alias Coscina di Pollo , questo mese verte sul Tiramisù.
Bellissimo tema, non troppo difficile. Ma la Susy ha una passione sfegatata per il cinema, e allora ecco la difficoltà: bisogna abbinare il tiramisù ad un film "mhhhh, diciamo così, senshuaaaaleee!" (come direbbe Merope Generosa), quindi creare un Sexy-Tiramisù. 
Appena saputo il tema della sfida, mi sono venute in mente un sacco di idee, strano, a me che non viene mai in mente nulla. Sarà perché è il mio dolce preferito, lo mangerei sempre a qualsiasi ora del giorno e della notte, senza soluzione di continuità, in tutti i modi, alle fragole, al caffè, all'alchermes, come lo faceva la mia nonna quando ero bambina, mi basta anche solo immaginare la crema al mascarpone e non capisco più nulla, però...però mi piace solo se lo faccio io! Ho provato ad assaggiare infiniti tiramisù: nei migliori ristoranti, a casa di amici e parenti, ovunque, proprio perché non so resistere a questo dolce, ma sempre rimanendo molto delusa: perciò, la crema al mascarpone come la intendo io, me la faccio da me (sono leggermente talebana, lo so). E questa volta (rullo di tamburi) ho fatto addirittura il mascarpone da sola, grazie alla ricetta della bella e brava Francy Carloni, e mi è venuto benissimo.
Per quanto i riguarda i biscotti, ho sempre e solo usato i pavesini, perché i savoiardi industriali proprio non mi piacciono. Finché la Giulia Robert non ci ha regalato questa ricetta qui, e allora, a malincuore e a denti stretti e senza sapere fino in fondo perché, dopo averla provata mi sono ricreduta, e ora non riesco più nemmeno a pensare di mangiare un tiramisù fatto con i pavesini. Mannaggia, mi è crollata una sicurezza, una delle due o tre che avevo nella vita. Ma finché si va a migliorare non ci lamentiamo, anzi, ringrazio pubblicamente Giulia per la sua ottima ricetta.
Quindi, per quanto riguarda l'esecuzione, nessun problema. Nessun problema neppure per l'ispirazione e l'accostamento al film sexy, e qui iniziamo pure a scoprire qualche altarino (divertente questa sfida, molto divertente!). Allora: in questo ambito, ognuno ha i suoi feticci, le sue fisse, le sue fisime. A me piace la bocca. 


Sì, possono sfilarmi davanti muscoli, tartarughe, occhi-di-ghiaccio, occhi-come-braci-ardenti, niente da fare, non li noto nemmeno. Il naso, questo sconosciuto: non lo noto mai. Se però vedo uno (o una, ebbene sì, chissà perché) con una bella bocca turgida, rosa e carnosa, magari dalla dentatura piccola e non proprio perfetta, magari con l'incisivo destro che si sovrappone impercettibilmente sul sinistro, eccomi qui con ronzio nelle orecchie, caldo diffuso e sdilinquimento, che ci posso fare. Perciò, senza nemmeno starci tanto a pensare, mi sono subito venute in mente le mie due icone sexy per eccellenza, Scarlett Johansson e Jonathan Rys-Meyers, che quanto a bocca stanno parecchio bene. Non so nemmeno quante volte ho visto Match Point, sarà perché è un film del mio adorato Woody Allen, sarà perché è senza dubbio un bel film, sarà perché questi due mi fanno impazzire, ma lo vedo spesso e sempre volentieri, come spesso e volentieri mangio il tiramisù. Per celebrare questi attori così belli e sexy, ho pensato ad un tiramisù delicato, sensuale e voluttuoso, rosato come la loro pelle e cremoso come le loro bocche. Con uno sciroppo alla melagrana per la bagna dei savoiardi e con dei petali di rosa brinati per la decorazione (ma sono anche buoni, profumatissimi!)



E adesso passiamo alla ricetta, e speriamo che nessuno legga questo post ;), anzi, speriamo che lo legga uno...bravo!

Per i savoiardi (piccoli, di circa 8 cm, ne vengono circa 60), ricetta di Giulia Robert

110 g farina 00
50 g fecola di patate
125 g di zucchero
100 g di albume
80 g di tuorlo
25 g miele d'acacia
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
zucchero a velo

1) Separate gli albumi dai tuorli. Montate gli albumi con le fruste elettriche, quando raddoppiano di volume aggiungete in due o tre volte lo zucchero, sempre montando e aumentando la velocità. In planetaria ci sono voluti in tutto 6 minuti.



2) Sbattete i tuorli col miele, quindi con una spatola unite questo composto alle chiare montate a neve, con-movimento-dal-basso-verso-l'alto (bisognerà trovare un acronimo).
3) Unite quindi a pioggia la farina e la fecola setacciate e la vaniglia, sempre con lo stesso movimento, delicatamente.



4) Scaldate il forno a 180° (adesso, non prima, tanto c'è tutto il tempo). Riempire una sac-a-poche con bocchetta liscia da 10-14 cm (io dieci). Formate dei bastoncini lunghi circa 8 cm su una teglia leggermente imburrata e coperta di carta forno.
5) Spolverate di zucchero a velo, aspettate che sia assorbito e spolverate di nuovo (servirà a far venire la crosticina superficiale). Quando li infornate, lo zucchero dovrà essere completamente assorbito.



6) Cuocete in forno già caldo per i primi 3 minuti con sportello chiuso e poi altri 4-5 minuti con sportello leggermente aperto (io cucchiaio attraverso).
7) Sformate e fate raffreddare completamente prima di rimuoverli dalla teglia, poiché saranno molto morbidi.



(Vengono perfetti e ottimi!)


Per lo sciroppo alla melagrana

50 g di zucchero
50 g di acqua
il succo di una melagrana

Ponete sul fuoco un pentolino con l'acqua, versatevi al centro lo zucchero e accendete il fuoco a fiamma media. Non toccate nulla, lo sciroppo è pronto quando lo zucchero sul fondo si sarà completamente sciolto. Versatevi il succo di melagrana, fate riprendere il bollore e spegnete. Fate raffreddare.

Per il mascarpone fatto in casa (ricetta di Francy Carloni)

500 ml di panna fresca al 35% di grassi
1 cucchiaio di succo di limone

Versate la panna fresca in una ciotola di vetro o in un tegame di acciaio inox e fate cuocere a bagnomaria finché non raggiunge la temperatura di 85°. A questo punto, unite il succo di limone e mescolate bene, la panna inizierà ad addensarsi. Continuate a cuocere a 85° per circa 5 minuti, mescolando di tanto in tanto. 

Togliete la ciotola dal bagnomaria, coprite e fate raffreddare prima a temperatura ambiente, poi in frigo, per 12 ore. Al termine di questo riposo, la panna si sarà ulteriormente addensata.



Trasferitela in un colino a maglie fitte, rivestito di un canovaccio pulitissimo e posto sopra una ciotola. Chiudete il canovaccio legando i quattro lembi con un elastico e appendetelo con un cucchiaio di legno sopra una pentola dai bordi alti, in modo che resti appeso, e che raccoglierà il siero durante il riposo. 



Lasciate riposare altre ventiquattr'ore in frigorifero, alla fine la parte solida restante sarà il vostro mascarpone. 



Mettetelo in un barattolo di vetro a chiusura ermetica e conservatelo in frigo fino al momento dell'uso (non più di tre giorni).

Per i petali di rosa brinati

Prendete una rosa non trattata (io del mio giardino, ce ne sono ancora!), staccate con la mano destra tutto il bocciolo, tenendo la base del fiore con la mano sinistra. Scegliete i petali più belli, spennellateli con la chiara d'uovo precedentemente sbattuta e appoggiateli delicatamente su una scodella in cui avrete messo dello zucchero semolato. Ricopriteli uniformemente di zucchero, scuotendo l'eccesso, e disponeteli ben distaccati sulla placca del forno ricoperta di carta forno. Lasciateli asciugare per una notte nel forno con la lampadina accesa. Il giorno dopo sono pronti per essere usati.

Per la crema al mascarpone (a modo mio)

500 g di mascarpone
4 uova
200 g di zucchero

Montate gli albumi a neve in una planetaria o con lo sbattitore elettrico, unite i tuorli e poi lo zucchero, sempre sbattendo, ma a velocità un po' ridotta, unite infine il mascarpone abbastanza morbido (toglietelo dal frigo un po' prima di usarlo, oppure lavoratelo un poco con una spatola), a velocità ancor più bassa, finché non otterrete una bella crema morbida e senza grumi: pronta e perfetta!

Per comporre il dolce, adagiate sul fondo di una coppetta un po' di crema al mascarpone, posateci sopra i savoiardi imbevuti nello sciroppo di melagrana e appoggiati un attimo su dello scottex per far assorbire il liquido in eccesso, di nuovo mascarpone e poi di nuovo savoiardi e così via. Terminate il dolce con chicchi di melagrana e petali di rosa brinati.


Con questa ricetta partecipo alla sfida n. 61 dellMTChallenge.


martedì 25 ottobre 2016

Amorcastagna


Oggi Facebook mi ha ricordato che due anni fa, ma che dico, tre anni fa (!) avevo pubblicato questa mia torta, ottima veramente, umida e soffice come piace a me (che se non mi vengono così, butto via tutto dal nervoso). A quei tempi non avevo ancora il mio blogghino, quindi oggi approfitto per pubblicare la ricetta, visto che diverse amiche me l'hanno chiesta.

Ecco gli ingredienti:
- 200 g zucchero Zefiro
- 200 g burro morbido più un po' per imburrare lo stampo
- 4 uova intere a temperatura ambiente
- 110 g farina di castagne
- 100 g farina 00 più un po' per infarinare lo stampo
- 100 g farina di mais fioretto
- 1/2 bustina di lievito per dolci
- un pizzico di sale
- zucchero a velo

Ho imburrato e infarinato uno stampo da amorpolenta lungo 30 cm. Ho setacciato le farine, il lievito e il sale in una ciotola e ho mescolato con una frusta. Ho montato il burro morbido con lo zucchero fino ad avere una crema spumosa, ho aggiunto un uovo e ho continuato a montare, poi un altro uovo sempre montando, poi una parte di farina, poi il terzo uovo, poi farina poi il quarto uovo, poi la farina rimanente. Si deve ottenere una crema soffice. Ho messo nello stampo e ho infornato a 180° per circa 50 minuti. Ho sformato e spolverato con zucchero a velo.


lunedì 24 ottobre 2016

Tapas!



Per la sfida n. 60 (sessanta!) dell'MTC, TAPAS!!! Eh sì, perché la vincitrice della sfida precedente, quella sugli gnocchi, è stata vinta dalla colorata, allegra, inarrestabile, intramontabile, ineffabile, insomma, da quel tesoro di donna che è la Mai Esteve del blog Il Colore della Curcuma, la quale (amore...) ha pensato bene di rovinarci 15 giorni di vita per pensare e cucinare tre stuzzichini per l'aperitivo alla maniera spagnola, le tapas, appunto. E che ci vuole, son tre stuzzichini! Giààààà, un TUBO!!!!! Intanto sono di tre tipi. La tapa è, come dice il nome stesso, un tappo (dallo spagnolo "tapar") che viene messo sopra un bicchiere di vino o altro aperitivo. Questo tappo è in realtà un piattino con sopra piccole porzioni di salumi, formaggio, tortillas e quant'altro, e qui esistono diverse versioni circa la nascita di questa tradizione. Sembra che qualche re spagnolo non so in che secolo, per combattere l'ubriachezza del popolo, ordinò che ogni bicchiere di vino fosse servito "coperto" da un piattino contenente del cibo. Un 'altra leggenda vuole che qualche oste disonesto (novità) abbia "coperto"con un pezzo di formaggio il bicchiere contenente vino andato a male, per mascherarne il sapore.
Un altro tipo di stuzzichino è il pincho, che come dice il nome, dev'essere servito infilzato in uno stecchino. Il terzo tipo è il montadito, che come base deve avere necessariamente il pane.
Come dicevo, ho passato 15 giorni a lambiccarmi il cervello senza trovare un'idea un po' originale, finché, bisognino fa trottar la vecchia, verso il terzultimo giorno qualcosa di simile a un'idea è comparso all'orizzonte: a me la Mai piace un sacco, è una grafica eccezionale, una fotografa bravissima, sa cucinare da urlo, è creativa (beata lei...), è buona, e con tutto questo non se la tira per niente: risultato, è una persona adorabile. Per questo, visto che il suo blog si chiama Il Colore della Curcuma, ho deciso di preparare i tre stuzzichini, tapa, pincho e montadito, ognuno con la curcuma tra gli ingredienti, e devo dire che sono abbastanza soddisfatta del risultato. Mentre sto scrivendo sto anche mangiando quello che ho cucinato per questa sfida, ed è tutto molto appetitoso (poi ho anche bevuto il vino, ma quella è un'altra storia). Inoltre la curcuma fa pure taaaanto bene, specialmente se accompagnata da un pochino di pepe nero, quindi, meglio di così! Mai, tepossino, te li dedico con tutto il cuore!!!



Ed ecco le ricette dei miei tre stuzzichini:

Per la Tapa -Frittata di spaghetti e zucchine alla curcuma
- 30 g di spaghetti
-1 zucchina chiara
-1 uovo
-1 cucchiaio di formaggio parmigiano grattugiato
-1 cucchiaino di curcuma
-olio sale e pepe

In una padellina mettete a bollire dell'acqua con poco sale, all'ebollizione versateci gli spaghetti spezzati e la curcuma e portate a cottura. gli spaghetti dovranno assorbire tutta l'acqua e si coloreranno di un bel giallo dorato. Nel frattempo in un'altra padella fate appassire in un po' di acqua e olio dei filetti di zucchina. In una ciotola sbattete l'uovo intero con il formaggio grattugiato, unite gli spaghetti e mescolate. Nella piccola paellera o in una teglina piccola mettete sul fondo i filetti di zucchina, accendete il fuoco sotto, fate scaldare bene poi versatevi il composto di spaghetti e uovo. Fate addensare poi rovesciate e cuocete dall'altro lato.

Per i Pinchos-Bigné di patate alla curcuma e cipolline brasate
- una grossa patata bianca bollita
-1 cucchiaino di curcuma
-1/2 uovo intero
-1 cucchiaino di farina
-sale e pepe
-olio di arachidi per friggere

Passate al passaverdure la patata lessa, unite gli altri ingredienti e con le mani bagnate fate delle piccole crocchettine e friggetele in olio bollente. Infilzate negli spiedini di legno una crocchetta e una cipollina brasata (ottenuta scottando per dieci minuti in acqua salata poi ripassandola in olio fino a cottura, spolverando all'ultimo con poco zucchero per ottenere un po' di caramellatura)

Per i Montadito-Crackers alla curcuma con paté di olive, dadini di pomodoro mozzarella e origano
- pane raffermo
-1 cucchiaino di curcuma
-1/2 albume di uovo
- paté di olive nere
-dadini di pomodori ciliegini e di mozzarella
-origano essiccato
-olio sale e pepe

Tritate grossolanamente il pane, aggiungere un goccio di olio, la curcuma il sale il pepe e l'albume, tritare ancora: si deve ottenere una pasta  umida che andrà messa tra due fogli di carta forno e schiacciata col matterello. 



Con un coppapasta quadrato ritagliate dei crackers e mettete in forno a 180° per dieci minuti. Spalmare ogni cracker col paté di olive e sopra mettere un cucchiaino di dadini di pomodori e mozzarella conditi precedentemente con olio sale pepe e origano.

Con queste ricette partecipo alla sfida n. 60 (sessanta!!!) dell' MTC di questo mese